Pisa Online - tour della magnifica città della Torre Pendente Rassegna stampa sui lavori alla Torre di Pisa dal 1995 ad oggi
News about the Leaning Tower of Pisa since 1995

7 marzo 1999 - Corriere della Sera

Il professor Jamiolkowski, a capo della commissione di esperti, racconta come si sta raddrizzando il monumento: finora sono stati recuperati quasi 2 millimetri

La Torre di Pisa ora pende un po' meno

Per la Torre di Pisa è incominciata l'operazione raddrizzamento. Da due settimane i tecnici sono impegnati in un delicatissimo lavoro attraverso il quale si è già guadagnato un millimetro e mezzo: la sommità, cioè, è tornata indietro verso Nord e quindi pende un millimetro e mezzo di meno. Detto così potrà sembrare poca cosa, "ma questo significa che la soluzione adottata dopo molte valutazioni funziona" precisa il professor Michele Jamiolkowski, presidente della commissione di esperti che governa l'intervento. "Però - aggiunge - per pronunciarci con sicurezza dobbiamo aspettare quattro-cinque settimane durante le quali vedremo come reagirà la Torre continuando a scavare sotto il suo basamento". Dopo aver sistemato le famose "bretelle" che in caso di cedementi eccessivi del suolo terranto in piedi comunque il prezioso monumento, i tecnici hanno incominciato a creare una serie di canali di trivellazione del diametro di circa venti centimetri sul lato Nord. Finora sono sei ma si arriverà a dodici. Nei fori si inserisce una trivella che oltre a fare il buco arrivando sino ad un metro sotto le fondamenta della Torre, asporta anche il terreno. Nei fori svuotati si verificano di conseguenza dei piccoli crolli; il suolo, cioè, cede sul lato Nord sotto il peso della costrutione che in questo modo rialza la testa. Per ottenere il raddrizzamento di un millimetro e mezzo si è tolto un metro cubo di terriccio.

"Naturalmente teniamo sotto controllo con diversi strumenti l'intera struttura - precisa Jamiolkowski - e misuriamo l'entità dei cedimenti procedendo con estrema lentezza per non correre rischi. Dopo due mesi di operazioni potremo essere legittimitati a continuare fino in fondo, secondo i piani" Una volta completato, però, avremo garantito alla Torre di Pisa una condizione di stabilità e sicurezza per almeno trecento anni".
La costruzione del celeberrimo monumento nella Piazza dei Miracoli era incominciata nel 1173 su disegno dello scultore e architetto Bonanno Pisano. Cinque anni dopo, sembra per difficoltà politiche, l'opera veniva interrotta quando era arrivata alla terza loggia. E così rimaneva per quasi un secolo finchè nel 1272 il cantiere era riaperto sotto la guida dell'architetto Giovanni di Simone. Ma su di lui si abbatteva la sfortuna e dopo sei anni, quando ormai l'opera era vicina alla conclusione con le sei logge ultimate, si vedeva costretto a bloccare tutto perchè la torre si era inclinata pericolosamente. Trascorse quasi un altro secolo e i lavori erano ripresi solo nel 1360 dall'architetto Tommaso di Andrea Pisano che finalmente poneva fine alla preziosa opera dieci anni più tardi.
Tuttavia, se si esclude un periodo di stabilità tra il 1600 e il 1800, la Torre continuava ad aumentare la sua pendenza sul lato Sud sino ad arrivare nel 1994 a oltre cinque gradi (5^33'36'', per l'esattezza, e ciò significa che il bordo superiore dove c'è il parapetto, sporge dal perimetro della base di ben 4,47 metri). "Da quando nel gennaio 1994 abbiamo sistemato i contrappesi di piombo alla base della Torre l'inclinazione si è arrestata - nota Jamiolkowski - ed ora cominciamo a recuperare".
Per garantirle comunque una salute stabile bisognerà anche procedere ad un rinforzo strutturale al livello della prima loggia dove si trova il punto più critico per il gioco delle forze che agiscono nella struttura. Qui, infatti, è stato sistemato un collare metallico che dovrà essere rimosso dopo aver provveduto, appunto, al consolidamento con elementi non visibili all'esterno. Ma questa parte dei lavori (del costo di un miliardo di lire) non si è potuta avviare perchè attende delle decisioni politiche di cui ancora non si vede traccia.


Ma gli esperti sono fuori legge
Se un pretore decidesse di incriminare tutti i componenti della commissione di esperti impegnati sulla Torre di Pisa per atti illeciti lo potrebbe fare tranquillamente. E per i 14 specialisti internazionali sarebbero certamente guai seri. Il loro mandato è infatti scaduto il 3I dicembre e, da allora non è stato più rinnovato. Quindi anche la decisione che hanno preso di procedere nello scavo ora in corso sotto le fondamenta e che ha già raddrizzato il monumento di un millimetro e mezo, è di fatto un arbitrio che potrebbe essere perseguito.
"Non abbiamo alcun mandato ma solo l'invito a continuare da parte del ministro dei beni culturali Giovanna Melandri e del direttore dello stesso ministero", dice il professor Michele Jamiolkowski, presidente della commissione. "In effetti - aggiunge - non potevamo interrompere i lavori a questo punto dell'opera. Però questa è la situazione".
Assurda, come al solito, perchè l'autorizzazione al gruppo di esperti forrnato dal governo nel 1990 rimane in vigore soltanto per un anno e poi deve essere rinnovata addirittura con l'approvazione di un disegno di legge. Quindi si può facilmente immaginare che cosa possa succedere con i tempi e il grado di attenzione del Parlamento italiano.
La mancanza del rinnovo, però, se non ha fermato lo scavo sotto la Torre e riuscita a bloccare i lavori del suo consolidamento altrettanto importanti per evitare che un giorno, improvvisamente, si sbricioli sotto gli occhi del mondo. Del resto non si può pretendere che i commissari rischino su tutto. Insomma, finora, sembra più difficile cambiare la regola di un'assurda amministrazione che raddrizzare la Torre di Pisa.

Servizio di Giovanna Caprara

 

Pisa Online - tour della magnifica città della Torre Pendente Rassegna stampa sui lavori alla Torre di Pisa dal 1995 ad oggi
News about the Leaning Tower of Pisa since 1995

Copyright 1996-2012 PisaOnline.it - All rights reserved