Italian - Italy English (United Kingdom) Deutsch (DE-CH-AT) French (Fr) Español     PISA     PISA TOUR   PISA DIRECTORY   PISA HOTEL     PISA AIRPORT     PISA CAR RENTAL   PISA NEWS   Widget Pisa
pisa
 

PISA

...oltre la Torre Pendente.
Pisa Aziende Vivere a Pisa Studiare a Pisa Visitare Pisa
Google TOP 10 since 1996!   HOTELS PISA  | Città | Mare | Colline |   ALBERGHI PISA | RESIDENCE PISA |  AGRITURISMO PISA | B&B PISA
hotel pisa
HOTEL PISA pisa hotel best price

promozione hotel pisa

   
 
     

:: OFFICIAL WEB SITES ::

HOTEL PISA

PisaOnline Annunci & Banner
Aggiungi qui il link al sito
del tuo Hotel in Pisa!
aggiungi hotel
Vetrina, Booking, Banner,
Link al sito web ufficiale!

 

sailory

.: AZIENDE PISA :.

Pisa Hotels Directory

CANALI di PISAONLINE

PISA AZIENDE PISA AZIENDE
PISA DA VIVERE PISA DA VIVERE
PISA DA VISITARE PISA DA VISITARE
Pisa PISA DA STUDIARE PISA DA STUDIARE
Pisa  EVENTI & NOVITA' EVENTI & NOVITA'
Pisa FOTO GALLERY FOTO GALLERY
COMUNI DI PISA VOLTERRA
COMUNI DI PISA SAN MINIATO
COMUNI DI PISA COMUNI DI PISA
Pisa PARTNERSHIP Ricettività PARTNERSHIP Ricettività
PARTNERSHIP AZIENDE PARTNERSHIP AZIENDE
Pisa STATISTICHE PISAONLINE STATISTICHE PISAONLINE

Pisa PUBBLICITA' PUBBLICITA'

Piazza dei Miracoli di Pisa

 

 


Tutto ciò che è utile sapere per chi vive, studia o viene in vacanza a Pisa, la città della meravigliosa Torre Pendente... ma non solo !!!


Prodotti Tipici Pisani

Norcinerie alla pisana

Dal buristo al salame al vino, dalla spuma di gota al burischio, alla spalla: i salumi tipici della provincia si distinguono per il loro irresistibile gusto rustico.

In provincia di Pisa si fanno da sempre profumati e sapidi prosciutti “alla toscana”, da tagliare rigorosamente a mano con il coltello, come pure prelibati salami, salsicce, capocolli e finocchione. Accanto alle più diffuse specialità regionali non mancano però prodotti di salumeria assolutamente originali e marcatamente tipici, che prevedono un largo impiego di sangue suino e di tagli meno “nobili”. Si tratta principalmente di salumi da cottura, concentrati soprattutto nel comprensorio di San Miniato.
A cominciare dal “mallegato”, un salsicciotto derivato da un impasto a base di sangue cotto, uvetta e ciccioli di maiale, dall’inconfondibile sapore dolce ed intensamente speziato; si consuma fresco e tagliato a fettine dopo averlo fatto sobbollire per una ventina di minuti, ma anche soffritto per pochi minuti e quindi “annegato” nel vino. Passiamo quindi al “burischio” (o “buristo”) che è un grosso salume da cottura di forma cilindrica allungata. Questo insaccato, che si ritrova anche nell’area senese del comprensorio chiantigiano, deriva da un ricco impasto composto da ritagli della testa, cotenne, lardelli di grasso soffritti e sangue di maiale filtrato; viene prodotto nel periodo compreso tra i mesi di novembre e marzo, e si conserva per non più di una decina di giorni. alla “famiglia” dei sanguinacci appartiene anche la soppressata di sangue, che è di aspetto molto simile al mallegato ma si distingue per il sapore più delicato, dovuto all’aggiunta nell’impasto di parti sia grasse che magre (muscolo, spalla, cotenne, testa). La soppressata di sangue si può consumare affettata oppure fritta in padella previa infarinatura. Nel sanminiatese troviamo anche un particolare e ormai rarissimo salame misto di maiale e pecora e una salsiccia aromatizzata al pregiato tartufo bianco locale. Ricordiamo poi il salame al vino, che è un tipico salame toscano macinato a grana fine ma con lardelli più grossi e uno spiccato sapore di Chianti: ottimo se gustato a fette, viene impiegato in svariati piatti tipici della cucina toscana.
La spalla di maiale è invece un salume di grande pezzatura, dal peso che può variare tra i cinque e i dieci chilogrammi. La stagionatura si protrae per almeno sette/otto mesi; la carne, saporita e profumata, ha una consistenza tenera e il colore vira dal rosato al rosso intenso, mentre il grasso è compatto e biancastro. Tipico dell’area pisana, questo salume viene prodotto, con alcune varianti, anche nel resto della Toscana, ed è uno degli ingredienti del cosiddetto “piatto maggese”: spalla tagliata a dadini assieme a fave e pecorino. Come in tutta la Toscana, anche nel Pisano la pancetta si chiama rigatino; però qui ha la particolarità di essere aromatizzata al finocchio selvatico, e prende il nome di “rigatino finocchiato”.
Passiamo per finire ad una specialità davvero esclusiva come la spuma di gota (cioè la guancia) di maiale di San Miniato. L’ingrediente di base è ovviamente la guancia di maiale, salata e conciata con sale, pepe, aglio e alloro e quindi messa a stagionare per almeno cinque mesi; trascorso questo periodo, la carne viene sminuzzata e ridotta in poltiglia nel mortaio di marmo insieme a pezzi di prosciutto, spalla e pancetta. Ne risulta un composto simile ad un paté, di consistenza morbida e spugnosa e di colore rosato, che si consuma spalmato sui crostini caldi come il più gustoso degli antipasti nei menu tradizionali.

PISA
PISA ULISSE ALITALIA
Ulisse Alitalia Pisa Online

by

PISA Dalle origini all'Alto Medioevo Dalle origini all'Alto Medioevo
PISA L'ascesa della Repubblica  Marinara L'ascesa della Repubblica  Marinara
PISA Il declino militare e politico Il declino militare e politico
PISA Dal XV secolo ai nostri giorni Dal XV secolo ai nostri giorni
Visita la Città di Pisa  

LOCALITA' di Pisa

Pisa LOCALITA' Cascina
Comune Cascina
Pisa LOCALITA' Il Valdarno da Pisa a Pontedera
Pisa la Val di Cecina La Val di Cecina
Pisa località di Peccioli Peccioli
Comune Peccioli
Pisa località di San Miniato San Miniato
Comune San Miniato
LOCALITA' VOLTERRA PISA Volterra
Comune Volterra

Versione Italiana Versione Inglese

Sommario Ulisse Pisa Articoli
Uno sguardo oltre la torre
di Aldo Canale
Ad alta vocazione turistica
di Gino Nunes
Che farne d’un grande passato?
di Marco Tangheroni
Maledetta meloria
di Renzo Castelli
Un miracolo tira l’altro
di Lucia Capitani
Il gioco delle pendenze
di Lucia Capitani
L’arte della memoria
di Clara Baracchini
Sentirsi eredi e rivali della città eterna
di Clara Baracchini
Speciale Pisa i pisano
di Lea Mattarella
La bocca non sollevò dal fiero pasto
di Gaetano Savatteri
“Normale”, si fa per dire
di Guglielmo Vezzosi
Nel parco dei re vita da re
di Fabrizio Carbone
Il paese dei cavalli
Volterra tra splendore e mistero
di Eleonora Tiliacos
prodotti tipici pisa
Mangiando come mare comanda
di Davide Paolini
Mosaico di sapori
di Cristina Tiliacos
PISA Dal XV secolo ai nostri giorni  Ceci
Il sacro legume a testa d’ariete
di Giorgio e Caterina Calabrese
PISA Dal XV secolo ai nostri giorni  Norcinerie alla pisana
PISA Dal XV secolo ai nostri giorni  Vino
Piccole Doc crescono
PISA Dal XV secolo ai nostri giorni  Tartufo
Un “bianco” da primato
PISA Dal XV secolo ai nostri giorni  Olio
Verde nettare di frantoio
PISA Dal XV secolo ai nostri giorni  Formaggio
Profumo di pascoli
 

© Ulisse rivista di bordo Alitalia

 

Servizio realizzato con
progetto "
OPEN CONTENT
"

Copyright 1996-2014 PisaOnline.it - All rights reserved